Monday, 7 March 2022

Dietro le quinte (Behind the scenes - The professions of the theatre)

A brief true story of an Online training project born during the pandemic.

Two years of the pandemic had routed the entire planet, brought entire sectors to their knees, laid bare every single weakness of the system at a planetary level. In this dramatic macro scenario, the Italian context, even before Covid 19, showed signs of inadequacy both on the capacity of some artistic languages ​​and creative sectors to reach new generations and engage a new audience, both on the school's ability to regenerate and keep up with the times and ever-faster changes.




One practical problem schools found in Italy between 2020 and 2022 was the "PCTO - Pathways for life skills and orientation". A compulsory scheme for the job market within the last three years of high school from 90 to 120 hours depending on the fields of study. Given the circumstances, the PCTO activities were not easy to organise.
On this background, premises and pretext, "Dietro le quinte" was born. This article aims to report (or perhaps better the narrative) an experimental format delivered by Forma Camera (Special Agency of the Chamber of Commerce), Teatro Verde, Teatro Villa Pamphilj and Mulab. A solid local network of structures and associations operating in different fields which, thanks to creativity, the need not to leave young people alone in such a difficult period and the support of technologies, have joined forces and shared goals on common ground and despite the adverse period.
The aims of the project are different yet deeply interconnected:

1) Guide and show young people to trades and professions they may never have thought of or have only heard about without understanding the sector's scope, characteristics, and potential through direct meetings with practitioners who operates actively in that area.
2) To bring youngsters closer to the language of theatre, to the beauty and social, political and community value it represents, as well as to the various possible applications of theatrical techniques and methodologies, with particular emphasis on puppetry and the profession of the puppeteer.
3) Be a better and more critical audience
4) Tell, highlight and underline the life skills activated and strengthened in a creative path and make participants aware of the ongoing training process.
5) Take advantage of digital technology for inclusiveness and enhancement of opportunities.
The entire activity, structured Online in five days for 28 hours since April 2021, has involved 12 higher education institutions for 14 weeks and over 300 students.

How it takes place:

During the first day, the students are offered an exercise in Storytelling in a nutshell: to present themselves briefly through an object and give something of themselves to others. They are then asked if they have been impressed by the story of some companions, and the answers are often very fascinating: it is surprising to see how this little game is enough to activate profound mechanisms.
Then they had an introduction to the concept of life skills, which for most of them are unknown. Their importance (learning to learn, self-awareness, creative thinking, problem-solving, teamwork, unexpected management, and leadership) and are asked to pay attention during the little journey that will take place together with when these skills are activated, intervened, strengthened.
Then they are offered the vision of a Pier Paolo Pasolini's movie ("What are the clouds?") focused on the story of Shakespeare's Othello in a puppet theatre with marionettes played by actors in flesh and blood.
The short film, full of poetry, philosophy, references of all kinds to all the arts, rich in connections is the spark, the illustrious reference and the hook from which the entire training course starts. Moreover, the fact that it refers to Othello allows talking and facing negative feelings and attitudes such as envy, jealousy, racism with the young people at various stages of work.
At the end, and under the supervision of professional puppeteers, the participants are invited to build a puppet. And think about what voice it has, what's its name, to photograph it or make a short video of it to show how it moves, to share it on the platform (Google Classroom) and reflect on the sensation they felt to create and bring to life something that did not exist before.
The creative writing is the main focus on the second day, with exercises along the lines of the Surrealists. After induction and general on the dramaturgy by a professional, the youngsters split into groups not chosen by them and tasks are assigned:
- Each Group must make a video of a maximum duration of three minutes by the morning of the fifth day
- Each Group has a track extrapolated from the plot of Shakespeare's Othello revisited by Pasolini, which can be carried out freely except for constraints that must be respected: for example, a track can be "Iago and Roderigo plot against Othello on a bus". The constraint is the bus. The youngsters can upset the language, the gender of the characters, the era; what matters is that the function and the bond are respected: two envious people plot something wrong against a third person, and this conspiracy takes place on a bus.
- In the tracks of some groups, it is mandatory to use puppets as a constraint (for example, a puppet audience rebels at the ending of Othello played by real actors); others can use them if they want.
- Each Group, if it wishes or has logistical difficulties, can work remotely using technologies, and they don't have to see each other.
- The delivery of the work is instead mandatory, whatever happens, a protected simulation of what happens in the work when there is a deadline.
During the third and fourth day, the young people meet professionals in directing, acting, musical composition, organisation, and technique who tell the participants about their jobs. And the skills necessary to carry them out and the sector in which they work. And, at the same time, support them with suggestions and inputs to carry on the work of the video.
On the morning of the fifth day, with videos uploaded to the platform, tutors invite students to believe in their work and organise an honest presentation that enhances their products.
The videos show one after the other. A collective discussion develops, involving students and tutors, reflecting on the journey covered and the results obtained, emphasising the skills they have activated, the strengths and points of weakness, and improvable.
At the end of the course, the ongoing projects of the whole partnership and the real possibilities are shared and offered to them to take part in it and approach the job market.


A few considerations
At the beginning of the week, the young people almost always appear displaced and confused. As the days go by, they abandon themselves to the project and, generally, on Fridays, they are positive: in their presentations, you can feel the satisfaction of having created something new and unexpected, in a short time, almost non-existent, and the fun in having done it. Their feedback, in the anonymous questionnaires administered at the end of the course, is more than positive when not enthusiastic, and the words they most often use in their comments are “involvement”, “participation", and "passion”. This would suggest that it is not so impossible to involve the participants in training, with the proper method, even in non-formal remote paths, which, beyond the pandemic, can instead be accessible even to schools and context that have difficulty in logistic type.
In each of the works produced by young people, there is almost always at least one excellent idea, a thought, a fascinating choice, which makes us confident that creative thinking has been activated and worked. Very rarely has there been a group that has approached the work superficially to do it. However, we often detect significant commitment and fun in the videos.
Participants often give thanks for being mixed up and divided, taken out of the comfort zone of their usual relationships. They can grasp that this mixing produces something new and hope this will happen more often in their formal and ordinary formative sphere.
For the observation carried out so far, the young people do not show any difficulties with technology, even when they have to face something they have never done before: downloading programs, learning from tutorials, setting up Green Screen without ever having done it before, making mistakes and try again with great agility and ease. Of course, what is required is not a "good video", as they do not even have the minimum time to make it; however, what comes out every time is fantastic. They are total masters of the digital sphere and are happily aware of their abilities and use them.
However, they lack the knowledge, even superficial, of languages ​​and real artistic techniques, even as mere observers and spectators. In fact, at the beginning of the course, they mainly declare they do not read books, do not attend cinemas and theatres, not know actors, directors, and models, including films, of the past. And that they have never questioned themselves about the production process and the techniques, about the language of the tv series they see. Their references are mainly Gaming, Manga, Videos on Social Networks, and, a few steps below, Music.
Moreover, perhaps also due to the two years of the pandemic, they have difficulty understanding the political sense in a broad sense and the community function of the live show, concepts that, in Behind the Scenes - emerge clearly.

Conclusions

It comes to think, with a bit of irony, that while our generation of children of the Sixties and Seventies was anxious to try to keep up with the digital revolution, to learn how to use search engines, e-mail functions, and Social Network, on which perhaps wildly arguing against the use of Social Networks, has forgotten to transmit in an effective way to this population of girls and boys who, on the other hand, can quickly teach digital to us, a system of community values ​​and images, suggestions and experiences helpful in building a better world.
Luckily those guys are good enough to get them back alone, that experience and those values, and intelligent enough to defend themselves from the pitfalls of the digital world and probably also good protecting us. 
We can make our contribution by preserving the light of those values that we have not been too good at defending, hoping that they are. And hoping the birth of a thousand experimental paths such as "Dietro le quinte" can be a spark, an inspiration to give them a boost.

Anna Maria Piccoli




Partnership: Forma Camera, Green Theater, Villa Pamphilj Theater, Mulab
Thanks: Enrico Biciocchi, Federico Borzelli, Andrea Calabretta, Giulia Masini, Veronica Olmi, Enzo Pellegrini, Paola Scamardi, Valeriano Solfiti.
Reference projects: ARCO, ECLN - European Cultural Learning Network, Young Guru, Talent Matching, CREUS, HIT, MAXXI A (r) t Work, Master Verde, Polverone di Stelle

Friday, 25 February 2022

Dietro le quinte – I mestieri del teatro

Breve storia vera di un progetto di formazione Online nato durante la pandemia.

Due anni di pandemia hanno sbaragliato il pianeta intero, messo in ginocchio interi settori, messo a nudo ogni singola debolezza di sistema a livello planetario e in questo macro scenario drammatico il contesto italiano, già prima del Covid 19, dava segni di inadeguatezza sia sulla capacità di alcuni linguaggi e settori artistici di arrivare alle nuove generazioni e ingaggiare un nuovo pubblico, sia sulle capacità della scuola di rigenerarsi e stare al passo con i tempi e i cambiamenti sempre più rapidi.


Uno dei problemi pratici che le scuole si sono trovate a fronteggiare in Italia tra il 2020 e il 2022 è stato quello dei PCTO – Percorsi per le competenze trasversali e orientamento, un’introduzione al mondo del lavoro obbligatoria negli ultimi tre anni della scuola superiore per un totale tra le 90 e le 120 ore a seconda degli indirizzi di studio, ore che, date le circostanze, non era assolutamente semplice organizzare.

Su questo terreno, da queste premesse e con questo pretesto nasce Dietro le quinte – I mestieri del teatro, di cui questo articolo vuole essere il resoconto o forse meglio il racconto,  un format sperimentale voluto e curato da Forma Camera – Azienda Speciale della Camera di Commercio, Teatro Verde, Teatro Villa Pamphilj e Mulab, solida rete di strutture e associazioni operanti in ambiti diversi che, grazie alla creatività, alla necessità di non lasciare soli gli adolescenti in un periodo tanto difficile e al supporto delle tecnologie, hanno unito le forze e condiviso gli obiettivi in un terreno comune e malgrado il periodo avverso.

Le finalità del progetto sono infatti diverse eppure profondamente interconnesse e inscindibili:

1)     Orientare e mostrare ai ragazzi mestieri e professioni ai quali magari non hanno mai ancora pensato o di cui hanno solo sentito parlare senza comprendere bene l’ambito, le caratteristiche e le potenzialità di un settore attraverso l’incontro diretto con figure professionali che operano attivamente in quell’ambito.

2)     Avvicinare i ragazzi al linguaggio del teatro, alla bellezza e al valore sociale, politico e di comunità che esso rappresenta nonché alle varie applicazioni possibili delle tecniche e metodologie teatrali, con particolare accento sul teatro di figura e sul mestiere del burattinaio.

3)     Essere spettatori migliori e più critici

4)     Raccontare, evidenziare e sottolineare le competenze trasversali che in un percorso creativo si attivano e potenziano e rendere i ragazzi consapevoli del processo di formazione in atto.

5)     Sfruttare la tecnologia digitale ai fini dell’inclusività e del potenziamento delle opportunità.

L’intero percorso è strutturato Online, dura cinque giorni per un totale di 28 ore e dall’aprile 2021 ha coinvolto 12 istituti di istruzione superiore per un totale di 14 settimane e di oltre 300 ragazzi. 

Come si svolge:

Durante la prima giornata ai ragazzi viene proposto un esercizio di Storytelling in nuce, e cioè presentarsi brevemente attraverso un oggetto e regalare qualcosa di se stessi agli altri. Viene poi chiesto loro se sono rimasti colpiti dal racconto di qualche compagno e le risposte sono spesso molto affascinanti: è sorprendente vedere come basti questo piccolo gioco per attivare dei meccanismi profondissimi.

Vengono poi introdotti al concetto delle competenze trasversali, di cui prevalentemente non hanno mai sentito parlare, e della loro importanza (imparare a imparare, autoconsapevolezza, pensiero creativo, problem solving, lavoro di Gruppo, gestione dell’imprevisto e leadership) e viene chiesto loro di porre attenzione durante il piccolo viaggio che si farà insieme a quando queste competenze si attivano, intervengono, si potenziano.

Dopodiché viene proposta loro la visione di un contometraggio di Pier Paolo Pasolini (“Che cosa sono le nuvole?”) incentrato sulla storia dell’Otello di Shakespeare recitata in un teatro di marionette da marionette interpretate da attori in carne ed ossa. 

Il cortometraggio, denso di poesia, filosofia, riferimenti di tutti i tipi a tutte le arti, ricco di connessioni è la scintilla, il riferimento illustre e il gancio da cui parte l’intero percorso formativo. Inoltre, il fatto che si riferisca all’Otello dà lo spunto per parlare e affrontare con i ragazzi, nelle varie fasi del lavoro, sentimenti e atteggiamenti negativi quali invidia, gelosia, razzismo.

A questo punto i ragazzi, sotto la supervisione di burattinai professionisti, vengono invitati a costruire un burattino e a pensare che voce ha, come si chiama, a fotografarlo o a farne un breve video per mostrare come si muove, a condividerlo sulla piattaforma di riferimento (Google Classroom) e a riflettere sulla sensazione che hanno provato a creare e far vivere qualcosa che prima non esisteva.

La seconda giornata, è incentrata prevalentemente sulla scrittura creativa, con esercizi sulla falsariga dei Surrealisti. Dopo un’induzione generale sulla drammaturgia da parte di un professionista i ragazzi vengono divisi in gruppi non scelti da loro e viene loro assegnato un compito: 

-        ogni Gruppo dovrà realizzare entro la mattina del quinto giorno un video della durata massima di tre minuti

-        ogni Gruppo ha una traccia estrapolata dalla trama dell’Otello di Shakespeare rivisitata da Pasolini che può essere svolta liberamente salvo per dei vincoli che devono essere rispettati: ad esempio una traccia può essere “Iago e Roderigo tramano contro Otello su un autobus”. Il vincolo è l’autobus. I ragazzi possono stravolgere il linguaggio, il sesso dei personaggi, l’epoca, quello che conta è che vengano rispettate la funzione e il vincolo: due persone invidiose tramano qualcosa di brutto contro una terza persona e questo complotto avviene su un autobus. 

-        Nelle tracce di alcuni gruppi è obbligatorio come vincolo utilizzare I burattini (ad esempio: un pubblico di burattini si ribella al finale dell’Otello recitato da attori in carne ed ossa), gli altri possono usarli se vogliono.

-        Ogni Gruppo, se vuole, o se ha difficoltà logistiche, può lavorare a distanza sfruttando le tecnologie. Non sono obbligati a vedersi.

-        La consegna del lavoro è invece obbligatoria, qualunque cosa accada, una simulazione protetta di ciò che accade veramente nel lavoro quando c’è una scadenza. 

Durante la terza e la quarta giornata i ragazzi incontrano poi professionisti nell’ambito della regia, della recitazione, della composizione musicale, dell’organizzazione e della tecnica che raccontano ai ragazzi I propri mestieri, le competenze necessarie per poterli svolgere e il settore in cui operano e, parallelamente, li affiancano con suggerimenti e input per portare avanti il lavoro del video, che viene svolto in parte con l’affiancamento dei tutor e in parte dai gruppi per conto loro.

La mattina del quinto giorno i video vengono caricati sulla piattaforma e i ragazzi a questo punto sono invitati dai tutor a credere nel loro lavoro, in ciò che hanno fatto, e ad organizzare una presentazione onesta che però valorizzi il loro operato. 

I video vengono poi mostrati uno dietro l’altro e si sviluppa una discussione collettiva, che coinvolge studenti e tutor, di riflessione sul viaggio percorso e sui risultati ottenuti, che sottolinea soprattutto le competenze trasversali che si sono attivate, i punti di forza e i punti di debolezza e migliorabili.

A conclusione del percorso ai ragazzi vengono illustrati i progetti in corso di tutta la partnership e le possibilità reali che vengono offerte loro per prenderne parte ed affacciarsi seriamente al mondo del lavoro.

Qualche considerazione

A inizio settimana I ragazzi appaiono quasi sempre spiazzati e molto confusi, ma man mano che passano i giorni si abbandonano al progetto e, generalmente, il venerdì sono radiosi: nelle loro presentazioni si avverte la soddisfazione di aver realizzato qualcosa di nuovo e inatteso, in un tempo brevissimo, quasi inesistente, e il divertimento nell’averlo fatto. I loro feedback, nei questionari anonimi somministrati a fine percorso, sono più che positivi quando non entusiastici e le parole che più spesso usano nei loro commenti sono “coinvolgimento” “partecipazione” e “passione”. Il che farebbe pensare che non è poi così impossibile coinvolgere i soggetti in formazione, con il giusto metodo, anche in percorsi non formali a distanza, che, al di là della pandemia, possono invece essere accessibili anche a scuole e realtà che hanno difficoltà di tipo logistico.

In ognuno dei lavori prodotti dai ragazzi c’è quasi sempre almeno un’ottima idea, un pensiero, una scelta affascinante. Il che ci rende certi che il pensiero creativo si è attivato e ha funzionato. Molto raramente è capitato un gruppo che abbia affrontato il lavoro con superficialità, tanto per farlo. Molto spesso invece si legge nei video grande impegno e divertimento.

I ragazzi spesso ringraziano per essere stati mischiati e divisi, tolti dalla zona di confort delle loro relazioni abituali. Riescono a cogliere con chiarezza che questo rimescolarsi produce qualcosa di nuovo e auspicano che questo accada più spesso nella loro sfera formativa formale e ordinaria.

Per l’osservazione fino a qui svolta, I ragazzi non mostrano alcuna difficoltà nei confronti della tecnologia, nemmeno quando devono affrontare qualcosa che non hanno mai fatto prima: scaricano programmi, imparano dai tutorial, allestiscono Green Screen senza averlo mai fatto prima, sbagliano e riprovano con grande agilità e disinvoltura. Naturalmente quello che viene loro richiesto non è un “bel video”, in quanto non hanno nemmeno il tempo minimo per realizzarlo, tuttavia quello che viene fuori ogni volta è sorprendente. Sono totalmente padroni della sfera digitale e felicemente consapevoli delle proprie capacità di utilizzarle.

Quello che invece manca loro è la conoscenza, anche superficiale, dei linguaggi e delle tecniche artistiche vere e proprie, anche come semplici osservatori e spettatori. Infatti a inizio percorso dichiarano prevalentemente di non leggere libri, di non frequentare cinema e teatri, di non conoscere attori, registi e modelli, anche cinematografici, del passato, di non essersi mai interrogati sul processo produttivo e le tecniche, il linguaggio, delle serie tv che vedono. I loro riferimenti sono prevalentemente il gaming, i manga, i video sui social network, e, qualche scalino sotto, la musica.

Inoltre, forse anche a causa dei due anni di pandemia, hanno difficoltà a comprendere il senso politico in senso lato e la funzione di comunità dello spettacolo dal vivo, concetti che, in Dietro le quinte – emergono chiaramente.

Conclusioni

Viene da pensare, con un po’ di ironia, che mentre la nostra generazione di figli degli anni Sessanta e Settanta era affannata a cercare di stare al passo con la rivoluzione digitale, a imparare a usare motori di ricerca, funzioni della posta elettronica e Social Network, su cui magari polemizzava selvaggiamente contro l’uso dei Social Network, si sia dimenticata di trasmettere a questo popolo di ragazze e ragazzi che invece il digitale possono tranquillamente insegnarcelo, un sistema di valori di comunità e un bagaglio di immagini, suggestioni e vissuto molto utili per la costruzione di un mondo migliore. 

Per fortuna quei ragazzi sono bravi abbastanza per recuperarli da soli, quel vissuto e quei valori e intelligenti a sufficienza per difendersi dalle insidie del mondo digitale e probabilmente difenderci. Noi possiamo dare il nostro contributo conservando la luce di quei valori che non siamo stati troppo bravi a difendere, sperando che loro invece lo siano e auspicare la nascita di mille percorsi sperimentali come Dietro le quinte che possano semplicemente essere di ispirazione per dar loro una spinta.

Anna Maria Piccoli



Partnership: Forma Camera, Teatro Verde, Teatro Villa Pamphilj, Mulab

Ringraziamenti: Enrico Biciocchi, Federico Borzelli, Andrea Calabretta, Giulia Masini, Veronica Olmi, Enzo Pellegrini, Paola Scamardi, Valeriano Solfiti.

Progetti di riferimento: ARCO, ECLN – European Cultural Learning Network, Young Guru, Talent Matching, CREUS, HIT, MAXXI A(r)t Work, Master Verde, Polverone di Stelle.



Monday, 1 April 2019

Progetto HIT - Rapporto su buone pratiche per l'empowerment della Gioventù

HIT - Hate Interrupter Teams: giovani che contrastano l’incitamento all’odio verso migranti e minoranze attraverso campagne partecipative e creative, emerge dalla necessità di esplorare e stabilire modi innovativi per responsabilizzare i giovani (tra i 14 ei 19 anni) a combattere il razzismo, la xenofobia e la discriminazione rivolta ai migranti. Hate Interrupter Teams (HITs) affronterà i perpetratori dell'odio e del comportamento (HSBM) attraverso "showcases" creativi basati su media digitali, giochi di ruolo immaginativi e tecniche artistiche. Il progetto dà la priorità ed esplora le strategie creative per aumentare la consapevolezza sull'HSBM e per responsabilizzare i giovani a contrastare l'incitamento all'odio.

Gli obiettivi del progetto sono in linea con gli obiettivi del programma UE Diritti, uguaglianza e cittadinanza 2017 e del programma UE Giustizia 2017 , in particolare attraverso l'attenzione all'identificazione e alla produzione delle migliori pratiche per contrastare il razzismo e la xenofobia concentrandosi sull'HSBM attraverso contro-narrativa. Lo fa basandosi sullo sviluppo e sull'interazione degli HIT e degli Stakeholder (SB) a livello nazionale e transnazionale, centrando l'empowerment delle comunità di giovani e dei leader della comunità attraverso un approccio olistico, utilizzando l'espressione digitale artistica e creativa per favorire la coesione sociale e stimolare un senso di inclusione.

HIT comprende noveorganizzazioni, provenienti da sette paesi dell'UE (Cipro, Grecia, Italia, Spagna, Germania, Bulgaria e Regno Unito), con una vasta esperienza nel lavoro con i giovani che affrontano l'esclusione sociale. Questa partnership strategica riunisce conoscenze e competenze diverse e complementari per abilitare con successo i giovani e creare strategie innovative per combattere l'incitamento all'odio. Questo rapporto presenta una revisione transnazionale delle buone pratiche che evidenzia come i programmi di base, il marketing sociale e le pratiche creative possono contribuire al rafforzamento dei giovani per contrastare l'HSBM. I risultati informeranno il curriculum HIT e sono sintetizzati nel rapporto.


Il rapporto presenta i risultati della ricerca transnazionale condotta in tutti i paesi partner di HIT, finalizzata a raccogliere e rivedere le buone pratiche specifiche per paese sulle iniziative rivolte ai giovani e ai giovani in grado di contrastare l'HSBM. I risultati sono della massima importanza nell'elaborazione di un innovativo programma di apprendimento.

Il lavoro svolto dai partner ha seguito le linee guida sugli obiettivi, le tecniche di raccolta dei dati e l'etica per garantire la fattibilità della ricerca e un terreno comune di analisi. I partner hanno iniziato conducendo una revisione del quadro giuridico e delle politiche chiave relative ai reati di odio e a discorsi e comportamenti di odio nei confronti dei migranti fornendo una panoramica analitica sulla situazione attuale relativa all'HSBM nei loro rispettivi paesi. Ciò è stato fatto attraverso una revisione delle pubblicazioni esistenti relative agli obiettivi di ricerca, compresi gli strumenti giuridici sul razzismo e la xenofobia; dati statistici sugli incidenti di HSBM e le loro circostanze.

I partner hanno selezionato fino a tre studi di casi nazionali o locali che illustrano le buone pratiche in materia di empowerment dei giovani per contrastare l'HSBM. I casi riguardano direttamente lo sviluppo della capacità dei giovani di affrontare l'HSBM in modo innovativo e creativo attraverso vari mezzi e aree, come la ricerca-azione accademica, le azioni online, i programmi di base ed il marketing sociale.

Qui trovate il report:

https://drive.google.com/file/d/1DtU0kzLMrlWMS-7eej08gJ9QTP1McN_6/view?usp=sharing



Friday, 24 August 2018

Abbattere Barriere nelle Imprese Culturali e Creative

Peer Mentoring: abbattere le barriere nelle carriere creative
Esaminando i problemi di diversità e uguaglianza nelle Industrie Culturali e Creative del Regno Unito, O'Brien e Taylor hanno notato nel loro recente rapporto "Panic" che la maggior parte delle persone che lavorano nel settore continuano a credere che il successo sia il risultato di “duro lavoro e ambizione”; raramente si tiene conto del privilegio e del vantaggio derivante dall'avere un reddito ed un background che offre possibilità di svolgere tirocini non retribuiti, avere accesso a network sociali e creare capitale culturale appropriato. "Chi conosci" rimane una delle principali garanzie di successo, mentre genere, etnia e / o background sociale sono tra i maggiori ostacoli.

 Il crescente elitarismo e la mancanza di diversità all'interno del settore culturale e creativo non è esclusivamente nel Regno Unito. L'aumento della disoccupazione giovanile ha evidenziato come questo quadro sia speculare in gran parte del resto d'Europa. I giovani che non hanno seguito i percorsi tradizionali di formazione o istruzione sono particolarmente vulnerabili all'impatto di minori opportunità e ad una maggiore disponibilità a lavorare non retribuiti; poco importa quale sia la loro capacità creativa. È stato in risposta a questo difficile contesto che TME (Talent Matching Europe) ha riunito partner provenienti da sei diversi paesi, Collage Arts e Rinova (Regno Unito), CEPS (Spagna), MULAB (Italia), ARTeria (Polonia), EASP (Macedonia) e Prostor Plus (Croazia) per esaminare i modi in cui questo modello prevalente potrebbe essere messo in discussione. Tutti i partner, ad esclusione di uno, avevano già lavorato precedentemente insieme all'interno di programmi   (Aspire2Create e European Cultural Learning Network) che esploravano modi di convalidare e accreditare l'apprendimento informale ed esperienziale che è parte integrante dello sviluppo e della crescita all'interno di queste industrie. Tutti i partner sono impegnati a scoprire nuove strade per giovani provenienti da comunità più svantaggiate e non impegnati nell'istruzione formale, nel lavoro o nella formazione, in modo da poter offrire le stesse opportunità di apprendimento e di carriera come per i loro coetanei più privilegiati.

Riconoscendo il supporto aggiuntivo di cui molti di questi giovani potrebbero aver bisogno per entrare nelle industrie culturali e creative e quindi intraprendere una carriera significativa al loro interno, TME ha iniziato a esplorare il ruolo del "mentore professionale" cioè, qualcuno in grado di lavorare con meno i giovani privilegiati non solo per fargli acquisire le capacità e le competenze necessarie per lavorare nel settore creativo, ma, soprattutto, per facilitare il loro accesso alle reti, alle strutture e alle opportunità dalle quali sono attualmente esclusi. Dato che le abilità e le competenze necessarie per questo ruolo hanno cominciato ad emergere in tutti i paesi e per tutta la durata del programma, è diventato sempre più chiaro che spesso era un ruolo interpretato da persone provenienti da esperienze e background simili. Molti di questi potenziali “mentori tra pari” erano essi stessi giovani che erano stati sostenuti dalle organizzazioni partner per sviluppare la capacità di resilienza e la tenacia necessarie per affrontare le sfide legate alla stabilità del lavoro e dell'esperienza all'interno delle industrie culturali e creative. Altri, erano coloro che avevano scelto di seguire percorsi alternativi: acquisire capacità imprenditoriali e diversi tipi di conoscenze e competenze ed essere incoraggiati a creare le proprie iniziative, in particolare in specifici contesti sociali. Questa è una nuova generazione di creativi provenienti da contesti più diversi e multiculturali che ora mostra passione e impegno nel sostenere i coetanei più giovani o meno esperti.

Molti di questi giovani creativi stavano già svolgendo questo ruolo in modo non formale o ad hoc, sebbene in gran parte inesperti, non retribuiti e senza riconoscimento all'interno del settore. Lavorando in collaborazione e consultandosi con coloro che erano stati allievi e avevano partecipato ai precedenti programmi europei, i partner hanno identificato una serie di conoscenze, abilità e attitudini che ritenevano formassero le competenze essenziali per chiunque svolgesse questo ruolo: dalla comprensione alla capacità di rispondere a diversi stili di apprendimento ad un forte impegno per l'inclusione sociale. Il programma ha anche riconosciuto che molte delle qualità personali richieste, come l'ascolto attivo, l'empatia e gli schemi di lavoro dialogici e collaborativi non venivano necessariamente insegnati meglio nelle strutture educative formali.

I giovani coinvolti nel progetto cercavano chiaramente forme di apprendimento più esperienziali: metodologie e approcci che rispondevano alle mutevoli esigenze dei datori di lavoro e riflettevano le esigenze di creare le proprie iniziative e identificare nuove opportunità imprenditoriali. Volevano spazi sicuri dove poter sperimentare, correre rischi, esplorare possibilità e iniziare a sviluppare e realizzare idee nuove e innovative. Come parte di questo, volevano l'opportunità di consultare e lavorare a fianco di colleghi e mentori nei campi da loro scelti. E, cosa più importante, volevano che questi mentori fossero persone in grado di capire le sfide abbastanza da mescolare il sostegno continuo con l'incoraggiamento a spingersi oltre, e prendere più opportunità per estendere le loro ambizioni. "Possiamo volare", ha osservato un giovane macedone, "Abbiamo solo bisogno di aiuto per far crescere le nostre ali".

Mettendo insieme un gruppo di potenziali “mentori tra pari” oltre i confini nazionali per testare come supportare meglio queste idee, TME ha compreso l'importanza di creare opportunità per la mobilità e lo scambio transnazionali come parte dello sviluppo e dell'apprendimento di questi giovani. Pur riconoscendo che alcune delle conoscenze richieste potrebbero essere specifiche per la situazione all'interno di un paese partner, è diventato subito chiaro che molte delle attitudini e delle capacità richieste erano le stesse. Questa è una generazione di giovani che vogliono imparare gli uni dagli altri e che vogliono lavorare in modo collaborativo oltre i confini nazionali. Lavorando con questo gruppo di potenziali mentori per identificare importanti temi condivisi e sinergie in tutta Europa, il partenariato ha prodotto una serie di strumenti, tra cui ad esempio quelli diagnostici (Diagnostic Skills Check) per assistere i mentori nel valutare i bisogni dei loro mentee e ha identificato possibili percorsi di accreditamento, incluso il CLOCK  peer-to-peer programme, già convalidato a livello europeo. Poiché la necessità di rispondere ai nuovi modelli di lavoro in tutta l'economia creativa diventa più pressante e l'UE passa ad una politica di pari opportunità nelle industrie creative, gli approcci innovativi per creare tale parità di accesso sono fondamentali. Soprattutto quando i giovani considerano sempre più le industrie culturali e creative come percorsi verso un futuro a cui possono dare un reale contributo. Nello sviluppo e nel supporto del ruolo del peer mentor in questo contesto, TME (finanziato attraverso Erasmus Plus) ha compiuto un primo passo importante.

Ciò che ora è necessario sono ulteriori investimenti a livello europeo. E maggiori investimenti nella creazione di un tipo di forza lavoro che possa eguagliare la passione e l'entusiasmo delle generazioni future. La diversità, come chiarito da recenti relazioni di Harvard, Forbes e McKinsey, è al centro di tutta la creatività e l'innovazione. Se le industrie culturali e creative vogliono davvero iniziare ad attirare una forza lavoro diversificata e l'UE vuole sostenere i giovani nell'acquisizione di capacità creative che sono sempre più trasferibili oltre queste industrie, e quindi sostenere lo sviluppo una rete europea di interessati, entusiasti e soprattutto, esperti e ben informati, i peer-mentor sembrano essere un ottimo punto di partenza.
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea. Questa pubblicazione riflette solo le opinioni dell'autore e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni in esso contenute.

Abbattere Barriere nelle Industrie Culturali e Creative

Friday, 19 May 2017

TME Ricerca Transnazionale: Politiche, Sistemi e Analisi dei Fabbisogni (Executive Summary)




Talent Matching Europe (TME) è un programma di partenariato strategico finanziato dall'UE che ha lo scopo di progettare, testare e validare un nuovo programma di formazione e un quadro di competenze per i mentori che sostengono persone svantaggiate (incluse quelle della società multiculturale) nell’occupazione, imprenditorialità e apprendistato nelle imprese culturali e creative (CCI). Il Mentore Professionale è un'occupazione emersa recentemente per sostenere i giovani che non sono occupati, non sono studenti o in formazione professionale (NEET) per facilitarne l’accesso alle opportunità nelle CCI, uno dei settori di maggior successo ed in più rapida crescita in Europa.

Sei un giovane creativo?
Hai talento e vuoi metterti in gioco nel mondo del lavoro?
TalentMatching è il progetto che fa per te! 
#TalentMatching #Giovani #Mentoring #ImpreseCulturaliCreative

Vai al sito Talent Matching Europe

Tuesday, 21 February 2017

le playlist di WInJazz
Women In Jazz
Ascoltiamo cosa ascoltano Elena Paparusso, Laura Taglialatela e
Chiara Viola prima di ascoltarle dal vivo a Teatro Villa Pamphilj
il 26 febbraio! 

ELENA PAPARUSSO

brano originale: Elena Paparusso – Inner Nature
https://www.youtube.com/watch?v=36a0XFFU08o
brano attuale: Rebecca Martin, Gretchen Parlato, Becca Stevens - Tillery
https://www.youtube.com/watch?v=i57JeiiEVHc
brano jazz classico: Miles Davis - It Never Entred My Mind
https://www.youtube.com/watch?v=9b2kWkhl3v4
brano di una giovane collega: Alice Ricciardi - Optics
https://www.youtube.com/watch?v=vw6388wIUnI

LAURA TAGLIALATELA

brano originale: Laura Taglialatela – Blue Moon
https://soundcloud.com/laurataglialatela/blue-moon
brano attuale: Bjork - Aeroplane
https://www.youtube.com/watch?v=eGH7O0lpQPE
brano jazz classico: Billie Holiday - Don't Explain
https://www.youtube.com/watch?v=0MWRheQtvmA
brano di una giovane collega: Laura Mvula – She
https://www.youtube.com/watch?v=3J7DbO56QOI

CHIARA VIOLA

brano originale: Chiara Viola - Didsbury
https://www.youtube.com/watch?v=XI9OThl3h8Y
brano attuale: Esperanza Spalding – Precious
https://www.youtube.com/watch?v=eyjyNw3OKFk
brano jazz classico: Count Basie - Lil’ Darling
https://www.youtube.com/watch?v=5_Mtgo9WOL0
brano di una giovane collega: Laura Taglialatela – Blue Moon
https://soundcloud.com/laurataglialatela
brano di una giovane collega: Elena Paparusso – Inner Nature
https://www.youtube.com/watch?v=36a0XFFU08